.
Annunci online

Rassegna stampa - Lunedì 20 luglio

Fronte delle riforme: il ministro Brunetta propone un serio check-up sul sistema delle pensioni, ed a tutela dei consumatori d’ora in poi i marchi italiani dovranno indicare chiaramente il luogo di fabbricazione o di produzione di ciascun prodotto. Ma non dimentichiamo neanche che, in un’Italia il cui cuore dell’economia è ancora tutto di piccoli produttori ed artigiani, sono proprio le piccole e medie imprese ad avvertire il peso di un’eccessiva burocrazia.

Fronte dei disservizi e degli sprechi: per le comunità montane incomincia il conto alla rovescia. Il popolo dei pendolari protesta, ed annuncia che non resterà alla finestra, mentre capita che l’ennesimo disservizio blocchi la social card. In Campania qualcuno denuncia le assunzioni degli amici-degli-amici e scoppiano casi di ‘parentopoli’ anche al nord.

E mentre ci si interroga su come razionalizzare persino i tagli alla cultura nella maniera più intelligente e produttiva, per i piccoli tagli domestici nascono invece i supermercati ecologici, dove la riduzione degli sprechi sarà d’obbligo.

Fronte della politica: nel PD si continua a discutere di regole in vista del congresso e sorge la domanda se alla fine vincerà la linea Franceschini, tesa alle primarie e al bipolarismo, o se si affermerà invece la linea D’Alema-Bersani che, con ambizioni di riforma alla tedesca, spingerebbe di fatto verso il ritorno del proporzionale…
condividi:

  Per iscriverti a politichiamo compila il modulo di adesione

Rassegna stampa del 7 Aprile 2009

Il bilancio dell’immane tragedia del terremoto che ha colpito l'Abruzzo nella notte tra domenica e lunedì si aggrava, il numero delle vittime purtroppo tende a salire. Si scava ancora alla ricerca di qualche sopravvissuto, mentre la prima notte, dopo il dramma, degli sfollati, intorno ai 70 mila, è stata vissuta all'insegna del terrore e con l’incubo degli sciacalli, mentre la terra continuava a tremare. Il giorno dopo è anche il giorno in cui si iniziano a fare i conti dei danni, con cosa si poteva fare per evitare questa tragedia, mentre la macchina degli aiuti che si è messa subito in moto con un grande spiegamento di forze, continua il suo lavoro in modo lodevole.

È scattata in tutta Italia la solidarietà nazionale, con aiuti di ogni genere e volontari provenienti da tutta Italia, mentre anche il governo e tutta l’opposizione unita nel cordoglio per le vittime, proclama l’unità nazionale per dare sostegno alle persone coinvolte in questa immane sciagura, con uno stanziamento immediato di 30 milioni. Anche il comitato promotore del referendum si unisce alle vittime del terremoto, segnalando la totale disponibilità a prendere parte alle iniziative di solidarietà e alle mobilitazioni in corso in queste ore.

Il giorno dopo è anche l’ora delle polemiche. Non si arresta la polemica con Giuliani, il ricercatore che nei giorni scorsi aveva lanciato l’allarme terremoto in Abruzzo, e continua la polemica sulle vetuste regole antisismiche in vigore nel nostro paese, mentre il governo si dichiara pronto a modificare il piano casa in questa direzione, con il beneplacito dell’opposizione, per adeguare le abitazioni e i palazzi pubblici ai rischi sismici.

La notizia del terremoto ha fatto il giro del mondo, con manifestazioni di solidarietà da parte di tutti i leader mondiali, dall’Onu ad Obama, che si trova in Turchia per la prima visita in un paese musulmano, da dove ha lanciato un appello per l’entrata del paese nell’Ue, suscitando non pochi dissensi tra i grandi europei.

Nel frattempo parte ufficialmente la corsa alle europee, con i primi screzi tra Idv e Pd sul piano dell’intesa elettorale, mentre si registrano già le prime dispute all’interno del Cda della Rai, e balzano agli onori della cronaca i compensi dei manager pubblici, pubblicati sul sito del ministero della pubblica amministrazione, con un 'operazione denonimata “operazione trasparenza”, tra molte polemiche e critiche, mentre c'è già chi teme la "caccia al dirigente".


Editoriali, interventi, commenti:

Giorgio Bocca, Lucia Annunziata, Gian Antonio Stella, Roberto Turno, Stefano Folli, Franco Martin Foresta, Giovanni Valentini, Mario Tozzi, Geminello Alvi, Guido Gentili, Vittorio Feltri, Paolo Berdini, Renato Brunetta, Andrea Manzella, Paolo Natale, Anna Chimenti, Giuliano Cazzzola, Aldo Schiavone, Enzo Bettiza, Alberto Negri, Alain De Benoist


Interviste:

Giampaolo Giuliani, Salvatore Barba, Richard Allen, Franco Barberi, Roberto De Marco, Vincenzo Petrini, Maurizio Scelli, Pierluigi Celli, Abdullah Gul, Ohran Pamuk, Joost Lagendijk, Gun Kut, Maurizio Martinelli

 

condividi:

  Per iscriverti a politichiamo compila il modulo di adesione

Rassegna stampa del 2 Aprile 2009

Il referendum elettorale tiene ormai banco tra le forze politiche. Dopo le dichiarazioni di Guzzetta sull’“abbarbicamento” della Lega alla logica del ricatto della I Repubblica, le discussioni in seno ai partiti si fanno sempre più “scottanti”. C’è chi invita il Pd a dichiararsi apertamente per il sì, mentre la riforma del voto spacca la politica in modo trasversale e  c’è chi chiama in causa la dignità politica per tutti coloro che hanno dato l’appoggio inizialmente e poi si sono defilati.

Nel frattempo si è concluso ieri il G20 di Londra con mille miliardi stanziati per affrontare la crisi e un pacchetto di regole per controllare il sistema finanziario, il tutto mentre arriva la smentita del premier sulla possibilità di sforare il deficit. Contemporaneamente scoppia la polemica per una vittima delle manifestazioni dei no global del G20, un edicolante di Londra, mentre la protesta si sposta verso Strasburgo, dove è previsto nei prossimi giorni il Vertice Nato.

Effetti positivi sull’economia globale dopo le decisioni risolutive del G20, la Bce porta ai minimi storici i tassi e le Borse mondiali volano. Dopo la pronuncia della Consulta sulla legge 40, plauso del Presidente Fini in difesa della laicità dello stato, suscitando un polverone di critiche nello stesso schieramento politico e nell’ambiente cattolico.

Occhi puntati sul missile nordcoreano il cui lancio è previsto per domani, mentre dall’Australia arriva una svolta storica, il governo ha adottato la risoluzione onu sui diritti degli indigeni.

Intanto buone notizie sul fronte Filippine, dove è stata liberata l’unica donna ostaggio dei ribelli islamici e si riaccendono le speranze per agli atri due ostaggi, tra cui l’italiano Eugenio Vagni. Svolta storica anche tra Turchia e Armenia, con la Turchia pronta a riallacciare i rapporti con Everan, che da sempre accusa il governo turco del genocidio della comunità armena.

 

Editoriali, commenti, interventi:

Dominique Strauss Khan, Franco Frattini, Valentino Paolo, Augusto Minzolini, Franco Venturini, Ezio Mauro, Andrea Bonanni, Vittorio Emanuele Parsi, Adriana Cerretelli, Paolo Savona, Alessandro Grandi, Massimo Franco, Stefano Folli, Antonio Polito, Elsa Vinci, Vittorio Feltri, Luca Volontè, Laura Cesaretti, Pino PisicchioCarlo Galli, Carlo Bertini, Maurizio Ferrara, Marco Berti, Fiamma Nirenstein


Interviste:

Allen Sinai, Jean Pisani Ferry, Giorgio Navaretti Barba, Paolo Ferrero, Rocco Buttiglione, Maurizio Lupi, Ermanno Greco, Carlo Flamigni, Livia Turco, Dario Franceschini, Roberto Morassut, Matteo Renzi, Roberto Formigoni, Piero Gnudi, Benny Morris, Nicolai Lilin

condividi:

  Per iscriverti a politichiamo compila il modulo di adesione

Rassegna stampa del 1° Aprile 2009

Il referendum è ormai all’ordine del giorno nelle agende politiche dei partiti. Se il Pdl deciderà dopo la prima riunione della direzione del partito , facendo tirare un sospiro di sollievo alla lega, c’è che invita a riflettere seriamente sul referendum, che porterebbe ad un consolidamento politico-istituzionale di un assetto bipartitico. Intanto ieri il leader del Comitato referendario Giovanni Guzzetta ha incontrato il Presidente Napoletano, chiedendo di garantire la libera scelta dell’elettorato.

E se resta il nodo referendum, arriva invece l’intesa Pdl-lega per le prossime amministrative del 7 Giugno, mentre parte la battaglia contro gli sprechi, con la proposta del Ministro Brunetta di abolire le province. E approda oggi alla Camera il decreto sugli incentivi e le quote latte, con molti dissidi interni e proteste dell’opposizione, su cui verrà posta la fiducia, mentre si cerca un’intesa bipartisan sulle modifiche ai regolamenti parlamentari.

Nella notte di ieri è arrivata la tanto agognata intesa con le regioni sul piano casa, dopo i dissapori dei giorni scorsi.

Scenario economico negativo per l’Italia: l’Ocse indica una caduta vertiginosa del 4% del Pil, mentre il premier avanza la proposta di un "social pact" per l’occupazione e, dal canto suo, il Presidente francese Sarkozy, in vista del prossimo G20, alza i toni chiedendo risultati veri, minacciando di abbandonare il vertice in caso contrario, il tutto mentre dall’Europa continuano ad arrivare dati in rosso, con la disoccupazione in forte aumento, con punte dell’8% nell’area euro.

Sul fronte internazionale, incontro storico tra Usa e Iran, segno di un disgelo diplomatico dopo 30 anni di rottura a tutti i livelli,  e dopo l’orribile strage nelle acque libiche di ieri

la Libia si trova sotto accusa, con l'invito formale del governo italiano a dare seguito agli accordi intrapresi nei mesi scorsi.


Editoriali, commenti, interventi:

Mikhail Gorbaciov, Manuel Josè Barroso, Dimitri Medvedev, Carlo Azeglio Ciampi, Romano Prodi, Francesco Rutelli, Maurizio Molinari, Bernando Valli, Francesco Giavazzi, Alberto Alesina, Fabrizio Galimberti, Claudio Rizza, Stefano Sofi, Francesco Ramella, Gilberto Oneto, Sergio Zavoli, Francesco Forte, Giuseppe Mammarella, Francesco Cerisano, Franco Venturini, Sergio Romano


Interviste:

Yulia Timoshenko, Guglielmo Epifani, Andrea Ronchi, Luciano Violante, Leoluca Orlando, Luigi De Magistris, Giuletto Chiesa, Stefano Folli, Rita Bernandini, Maurizio Lupi, Livia Turco

condividi:

  Per iscriverti a politichiamo compila il modulo di adesione

Rassegna stampa del 27 Marzo 2009

Continua a pieno ritmo la campagna referendaria per l’accorpamento dei tre appuntamenti in un' unica tornata elettorale. Sabato è previsto l’incontro di tutti i comitati locali per il referendum elettorale a Roma, mentre parte la battaglia anche a livello locale. E se Guzzetta sottolinea il pericolo degenerativo della “democrazia dei cooptati", invitando alla riflessione anche il nascente Pdl, arriva il via libera del Senato al ddl sul testamento biologico, tra molte proteste  e qualche dissenso.
Intanto, scoppia l’ennesimo battibecco tra i due leaders del Pdl, e arriva il primo sì alla presidenza Garimberti dal Cda Rai, che si prepara ad un cambiamento radicale interno. Scongiurato almeno per ora per il ministro Tremonti il pericolo “armageddon” per gli Usa anche se c’è chi procede con molta più cautela, il tutto mentre mentre la Confindustria lancia un nuovo allarme sul Pil e sul fronte occupazione. Previsto inoltre un incentivo ai Comuni di oltre 100 milioni, mentre entrano in vigore le nuove norme del codice stradale. Dopo l’avvio dell’inceneritore di Acerra, 5 regioni lanciano un appello sull’emergenza rifiuti e dall’europa giunge un nuovo richiamo all’Italia, questa volta sulla giustizia “lumaca”.
Storico incontro diplomatico quello tra Iran e Nato, mentre la Russia si appresta a ritirare le proprie truppe dalla regione cecena. Nel frattempo sale la tensione tra il Giappone e la Corea del nord per il lancio del missile satellite previsto nei prossimi giorni e Singapore dà il via libera alla legge per vendita di organi, diventando il terzo paese al mondo a rendere legale questa pratica sanitaria.


Editoriali, commenti, interventi:
Antonello Caporale, Giacomo Galeazzi, Stefano Rodotà, Filippo Facci, Peppino Caldarola, Ignazio Marini, Stefano Ceccanti, Franco Bechis, Lorenzo Cuocolo, Fabrizio Cicchitto, Sergio romano, Massimo Franco, Marcello Sorgi, Stefano Folli, Gianfranco Rotondi, Piero Sansonetti, Gennaro Malgieri, Gianni Baget Bozzo, Francesco Verderami, Carlo Dell'Aringa, Giuseppe De Rita

Interviste:
Raffaele Calabrò, Ignazio Marini, Umberto Veronesi, Anna Finocchiaro, Mario Valducci, Rocco Buttiglione, Renato Schifani, Antonio Tajani, Luciano Violante, Stefania Craxi, Alberto Curzio Quadro, Giacomo Vaciago, Josè Luis Rodriguez Zapatero, Demetris Christofias
condividi:

  Per iscriverti a politichiamo compila il modulo di adesione

Rassegna stampa del 26 Marzo 2009

Mentre qualcuno pensa di chiudere Guzzetta nella casa del gf, già si prospetta l’ipotesi referendum per il ddl sul testamento biologico che verrà votato oggi in Senato, con qualche defezione all’interno della maggioranza e con voto contrario quasi unanime dello schieramento opposto, con “buona pace” del capogruppo al Senato, intanto sta per arrivare nelle aule parlamentari la legge sulle cure palliativeDopo le polemiche dei giorni scorsi sul ddl piano casa, arriva lo stop alla bozza del decreto dalle Regioni e c’è chi stima un giro d’affari di oltre 60 miliardi per le “New Towns” provinciali, anche se qualcuno mette in guardia sul pericolo cementificazione.
Storico dietrofront dell’ex leader di An su Mussolini, nel momento in cui si lavora alacremente per il Congresso del nuovo pdl di fine marzo, e il premier apre le porte ad una nuova intesa con l’Udc. Per fronteggiare la crisi economica, arriva l’intesa tra il governo e le banche, e si stima in 8 miliardi il sostegno alle PmiA meno di una settimana dal G20, dagli Usa giungono segnali positivi, mentre si registra invece un trend negativo per la bilancia commerciale italiana.
Sul versante internazionale, si infiamma l’Europarlamento dopo le affermazioni shock di Le Pen, e i gruppi parlamentari scendono in campo per impedire al decano di presiedere l’Assemblea dopo le elezioni di giugno. Dopo 30 anni da Camp David, si congelano i rapporti tra Egitto e Israele, mentre sale la tensione internazionale per il lancio dei satelliti nordcoreani. Da segnalare, infine, il via libera alla task force italo-rumena per fronteggiare l’emergenza sicurezza in Italia, il tutto mentre l’Ue stanzia oltre 5 miliardi per il rilancio economico rumeno.

Editoriali, commenti, interventi:

Massimo Franco, Marco Conti, Maurizio Gasparri, Paola Binetti, Federico Rampini, Vittorio Sgarbi, Adriano Sofri, Maurizio Mori, Sergio Romano, Michele Ainis, Filippo Ceccarelli, Anna Maria Bernini, Emanuele Macaluso, Maurizio Molinari, Federico Fubini, Viviana Mazza, Salvatore Dama, Giuseppe Mammarella

Interviste:

Roberto Formigoni, Paolo Buzzetti, Giancarlo Galan, Vasco Errani, Giano Accame, Massimo Polledri, Umberto Veronesi, Beppe Englaro, Bruno Tabacci, Pier Ferdinando Casini, Marcello Dell'Utri, Maurizio Sacconi, Giuliano Urbani, Ernesto Galli Della Loggia, David Miliband, Tommaso Padoa Schioppa, Tatiana Golikova, Giulio Sapelli

condividi:

  Per iscriverti a politichiamo compila il modulo di adesione

Rassegna stampa del 25 Marzo 2009

È l’ora delle polemiche. L’appuntamento di Pontida dei referendari contro la partitocrazia e gli sprechi, ha creato molti “subbugli” sia all’interno della Lega, sia tra le varie correnti del Pd, che si “sono spaccate” sul referendum. Intanto via libera di Montecitorio al federalismo fiscale, e primo sì alle ronde, ma disciplinate dal governo. Mentre il governa frena sul decreto casa e l’opposizione va subito all’attacco, sollevando dubbi sulla costituzionalità del provvedimento , oggi arriva la nomina ufficiale bipartisan di Garimberti a presidente della Rai.
Mentre c'è chi stima l’impatto occupazionale in caso di varo del decreto, di fronte alla crisi, l’Europa pensa alla settimana lavorativa corta e dalla grande industria italiana arriva uno spiraglio positivo, avvistando la ripresa economica.
Per il Fmi l’Italia, per risollevarsi dalla crisi, dovrebbe puntare su pensioni e sanità, il tutto mentre, per la prima volta dopo una decina di anni, si registra un calo della fiducia dei consumatori.
Primato negativo per la Cina per esecuzioni mortali, mentre in Repubblica Ceca scoppia la crisi governativa, creando non pochi problemi all'Europa. E se da Obama arrivano segnali incoraggianti per l'economia globale, dagli italiani arriva una sonora bocciatura sulle posizioni del Papa su biotestamento e preservativi, in piena sintonia con le critiche francesi dei giorni scorsi.


Editoriali, commenti, interventi:
Lamberto Dini, Claudio Scajola, Michele Salvati, Massimo Riva, Ugo Magri, Valeria Uva, Gianni Pennacchi, Marcello Veneziani, Davide Frattini, Filippo Facci, Marina Sereni, Jas Gawronski, John Rawls, Massimo Franco, Stefano Folli, Alexander Stille, Filippo Ceccarelli, Francesco Verderami, Liliana Giobbi, Vittorio Sabadin

Interviste:

Matteo Colaninno, Raffaele Fitto, Mercedes Bresso, Enrico Letta, Gianni Alemanno, Pier Ferdinando Casini, Ignazio Marini, Italo Bocchino, Fabrizio Cicchitto, Roberto Formigon, Giuseppe Consolo, Guido Tabellin, Antonio Cassese, Nadine Gordimer
condividi:



permalink | inviato da team politichiamo il 25/3/2009 alle 11:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

  Per iscriverti a politichiamo compila il modulo di adesione

Rassegna stampa del 24 Marzo 2009

Dopo l’appuntamento di ieri dei referendari a Pontida, al grido " Roma ladrona Lega sprecona ", c’è che si interroga sul perché sprecare 400 milioni di euro, nel momento in cui aumentano gli attriti all’interno del maggior partito di opposizione sulla linea da seguire per il referendum, mentre Guzzetta avverte sul pericolo della "rassegnazione dei cittadini". E se sul piano casa arriva un duro affondo del Pd, si allarga il fronte del no delle regioni e si profilano dubbi anche all’interno della stessa maggioranza. Si avvicina l’appuntamento del Congresso fondativo del Pdl, con un duro attacco dell’ex alleato del cavaliere, e il premier prepara il suo discorso pensando alla riforma a lui tanto cara, il presidenzialismo. Approda al Senato il ddl sul testamento biologico  e balzano agli onori della cronaca, con qualche sorpresa, le dichiarazioni dei redditi dei parlamentari, mentre sullo sfondo giunge l’accordo tra i due schieramenti politici sulla presidenza rai.  Dopo mesi di pesanti perdite, forte impennata delle Borse mondiali dopo il via libera al piano salva banche del Tesoro statunitense. Mentre arriva una secca smentita sul rischio fallimento dell’economia italiana da Almunia e si registra il record dell’anti-evasione fiscale, Obama annuncia la “ exit strategy” per l’ Afghanistan, nel momento in cui l’Onu accusa Israele di crimini di guerra, che nel frattempo apre la coalizione di governo ai laburisti, il tutto sullo sfondo dello stop al summit dei nobel per la pace in Sudafrica, dopo il visto negato al Dalai Lama.

Editoriali, commenti, interventi:

Barack Obama, Paul Krugman, Giorgio Tonini, Massimo Franco, Vincenzo Visco Stefano Rodotà, Linda Lanzillotta, Marco Follini, Gianni Baget Bozzo, Norberto Bobbio, Andrea Romano, Franco Venturini, Fabio Cavalera, Vittorio Zucconi, Alberto Bisin, Luigi Zingales, Vittorio Macioce, Francesco Forte, Valerio Onida, Paolo Franchi, Francesco Manacorda

Interviste:

Gordon Brown, Allen Sinai , Alice Rivlin, Edward Prescott, Franco Frattini, Massimo D'Alema Massimo Calearo, Andrea Riccardi , Adriano Prosperi, Benedetto Della Vedova, Antonio Catricalà, Andrea Ronchi, Angelino Alfano, Maurizio Gasparri, Antonio Martino, Mercedes Bresso, Dario Fo Roger Cohen, Richard Falk

condividi:

  Per iscriverti a politichiamo compila il modulo di adesione

Rassegna stampa del 23 Marzo 2009

Referendari a Pontida oggi contro la legge “porcata” e contro lo spreco di 400 milioni di euro. Il comitato promotore si è rivolto ai leghisti, chiedendo di "rifiutare questo scempio", rivelando un asse Bossi-D’Alema per far fallire il referendum; nel frattempo prende corpo l’ipotesi di un rinvio del referendum al 2010.
Ieri si è concluso l’ultimo congresso di AN, che ha dato ufficialmente il suo addio come soggetto politico,
con l’approvazione del premier Berlusconi, mentre il leader Fini ha annunciato che nel 2011 nascerà la fondazione An. Piano casa in primo piano, l’opposizione apre le porte ad un dibattito serio sulla questione e lancia il piano affitti.
Riprende la trattativa sulla presidenza rai, mentre il Pd annuncia che le liste per le europee saranno composte dal 40% da donne. Sul fronte economico, oggi il segretario del Tesoro Usa ha presentato il suo piano di salvataggio del sistema finanziario, ma dall’Europa arriva il primo stop alla manovra.
Sul versante internazionale, continuano i disordini in Tibet, mentre dal Forum sull’Acqua di Instabul arriva un'amara sconfitta, il diritto all’acqua non ottiene il suo riconoscimento giuridico, rimanendo solo una necessità. In Medioriente non si placa l'ondata di attentati, nell'ultimo attentato in Libano è morto un leader dell’OLP, mentre nell'appuntamento elettorale di ieri in Macedonia si colloca in netto vantaggio Ivanov, esponente del partito di destra del paese.

Editoriali, commenti, interventi:
Gianfranco Fini, Giuliano Ferrara, Angelo Panebianco, Aldo Cazzullo, Luca Telese, Marco Ajello, Paolo Foschi, Massimo Franco, Filippo Ceccarelli, Alessandra Longo, Lucia Annunziata, Tito Boeri, Umberto Rosso, Luca Volontè, Marc Lazar, Igor Man, Marcello Foa, Giovanna Parente, Paolo Pombeni, Michele Brambilla

Interviste:
Barack Obama, Luciano Violante, Franco FrattiniAlessandra Mussolini, Francesco Storace, Giuseppe Ciarrapico, Umberto Croppi, Gaetano Quagliarello, Claudio Scajola, Guido Tabellini, Francesco Rutelli, Claudio Martini, Vasco Errani, Raffaele Fitto, Pier Ferdinando Casini, Fabio Pammolli, Roberto Formigoni, Paolo Fontanelli, Flavio Zanonato
condividi:

  Per iscriverti a politichiamo compila il modulo di adesione

Rassegna stampa del 20 Marzo 2009

Referendari a PontidaCome annunciato da Guzzetta e Segni in conferenza stampa, il Comitato Promotore manifesterà lunedì prossimo nella roccaforte leghista, contro lo spreco di 400 milioni per difendere la legge che lo stesso calderoni definì “porcata”.
E se il leader del Pd si appella nuovamente per dare i 400 milioni alle forze di polizia, è a rischio la tregua tra i big del Pd sulla linea da seguire per il referendum.
Mentre Brunetta attacca l’ “onda”, uno tsunami si abbatte sulla maggioranza e la lega cede sulla norma dei medici-spia. Dure polemiche dopo il rapporto dell’Onu sull’aumento della discriminazione degli immigrati in Italia, mentre arriva l’allarme per gli sms-spiaNuovo successo sul fronte federalismo, questa volta è l’Idv a schierarsi a favore del dll calderoni. 
Ancora proteste nel settore industriale, questa volta a scendere in piazza sono gli agricoltori che chiedono più risorse per salvare più di 200 mila aziende italiane e dal governo giunge un nuovo stanziamento di mezzo miliardo di euro per le Pmi in difficoltà, nel frattempo dall’Europa arriva un monito al Fmi per raddoppiare i fondi destinati ai paesi in crisi.
Sul fronte internazionale, per la prima volta un Presidente americano si rivolge ad un "Paese Canaglia" per mettere fine a decenni di attriti e tensioni e dal New Mexico giunge la notizia sullo stop alla pena capitale, mentre da Gaza arrivano dichiarazioni shock dei soldati israeliani sull'uccisione di civili palestinesi.

Editoriali, interventi, commenti:
Dario Franceschini, Francesco Verderami, Franco Venturini, Augusto Minzolini, Franco Massimo, Stefano Folli, Adalberto Signore, Piero Sansonetti, Francesco MerloClaudia Fusani, Carlo Galli, Angelo Mellone, Francesco Moscatelli, Gianni Baget Bozzo, Paola Sacchi, Alfio Caruso, Fabrizio Galimberti, Massimo Nava, Marco Vitale, Luca Volontè, Giacomo Galeazzi, Fiamma Nirnestein

Interviste:
Augusto Barbera, Gaetano Pecorella, Umberto Bossi, Mario Llosa Vargas, Ignazio La Russa, Andrea Ronchi, Franco Frattini, Adolfo Urso, Bruna Sferra, Achille Serra, Linda Lanzillotta, Paolo Russo, Giorgio Jannone, Lucio Caracciolo, Dalil Boubakeur
condividi:

  Per iscriverti a politichiamo compila il modulo di adesione

sfoglia aprile